jazzconvention

Lia Passadori: Jazz Convention (ITA)

Quello dei Soni Sfardati è un disco pieno di suggestioni ed echi di culture diverse che si mescolano nella ricerca di un’originale identità musicale. La Sicilia, la Spagna e il mondo arabo si intrecciano in questo percorso sonoro dove a guidarci per mano è la voce di Gaia Mattiuzzi, ultimo acquisto della formazione. Cangiante, lirica, tesa e graffiante, la sua interpretazione mostra grande padronanza della voce, che esplora in tutte le sue possibilità completando con raffinatezza il dialogo tra batteria e chitarra. I loop della chitarra di Enrico Cassia sono l’elemento fondante su cui si sviluppa questo dialogo, meditato ma anche estemporaneo, attraverso una reiterazione sonora che diventa mistica e che rimane come cifra stilistica della formazione.
Il risultato è un album coraggioso e autentico, che affronta stili variegati e ci riporta un universo sonoro di contaminazioni e sapori mediterranei, antichi e contemporanei, il tutto condito dal retrogusto di un jazz moderno e intelligente. Le distorsioni e i loop inoltre conferiscono a questa musica un tratto rock, e il frutto di questa mescolanza è l’inedita idea musicale dei Soni Sfardati, che riflettono sulle proprie radici ma guardando anche al futuro con brillanti intuizioni sonore.

http://www.jazzconvention.net/index.php?option=com_content&view=article&id=2221:soni-sfardati-saqiya&catid=2:recensioni&Itemid=11

beachsloth

Beach Sloth (sept 2014) (ENG)

Sāqiya is an agile tactical work. The sonic equivalent of freedom Soni Sfardati plays with everything. Vocals are delicate in touch. Incredibly improvisational in nature the collection manages to bring different textures together working in opposition at times. With such tension the conflict between guitar, drums, and voice is apparent. Fortunately for the listener nobody really wins. Rather each particular instrument appears to be given ample time to state its case.

“Tyn da Ris” is a deceptively calm introduction to the busy collection. “La Malinche – El Encuentro” is a far better representative. Off-kilter rhythms, guitars that twang, vocals that lose their minds, bring together the loose groove. For the following track “La Malinche – La Matanza Del Templo Mayor” Soni Sfardati mess with the stately composure of Post Rock, skirting around grooves, remaining silent, only going into full blast towards the end of the composition. “Mazar” colors in silence with restraint. Everything is allowed to simply decay into the void. The unease of the track is captivating. By far the highlight of the album is the progressive rock inspired “Mar Adentro”. Over the song’s duration it goes from skeletal to fully fleshed-out and back again multiple times. For the other long player “Al Madarig” Soni Sfardati uses a greater amount of jazz inflections, allowing things to get greatly out of hand.

Finally the title track “Sāqyia” finishes it off with the necessary nervous energy that permeates everything on the collection. Anxious and ready to fall apart at any moment “Sāqyia” is a glorious work.

http://beachsloth.blogspot.it/2014/09/soni-sfardati-saqiya-78.html

Sāiya_def-n.com

Interview for def-n | SUB WEBZINE

Int’l Scene: Soni Sfardati, Simply Noisy From Italia

def-n1

When firstly listened to the single Sumiglia on its new album Sāqiya, it is welcomed with a creepy voice of the vocal while at the same time you’ll be amazed with the voice (that is so beautiful)

Firstly formed in 2008 by 2 guys, Soni Sfardati has released the silent noisy sound which is so nicely composed and having a strong characteristic. This time, these two guys invite a girl vocalist to bring something more in the silence. And… It’s absolutely great!

Hi, guys! How do you do?

Hi def-n and hi to all of def-n readers! We are great! We are glad and thankful for this opportunity.

Can you tell us the complete personnels of Soni Sfardati and founders?

Soni Sfardati is a duo founded by Enrico Cassia and Antonio Quinci in 2008. Writing this album, Sāqiya, we realized that we needed a voice and so we called in Gaia Mattiuzzi and the duo became a trio!

Where do the ideas come from?

Often ideas come out of long sessions of improvisations, sometimes they are compositions written in the rehearsal room, as in the case of Sāqiya.

As we love to say, our background music is our main source of inspiration. Jazz, of course, but also rock (we are two metalheads inside. Haha). We think that all music is beautiful when it has something to say and is played with passion.

What’s the meaning of Saqiya? Is it an Arabian? Any philosophy from the name?

In the Arab world, Sāqiya is a water wheel which is used to lift water and distributed it to different locations. Our album is a tribute to our land and represents our attempt to create a journey, a path through the various cultures that have spread in our region, just as the Arab wheel made with water.

def-n2

What is “noise” in your viewpoint?

Ha! That is a good question! Noise is lack of silence, and silence does not exist.

In our previous album we tried to relate with noise, and this is the result:https://soundcloud.com/sonisfardati/scerra

Do you plan to make any tour by this album? Have you ever made tour before?

Yes! A little tour is scheduled next fall. Three years ago we had the chance to play in New York during a small tour organized by the label that have released our first album Tri Soni.

Any words for us and our readers?

Thanks for your attention and good music to all of you!

Buy Full Album on La bel Netlabel

text by def-n | embed by Dwiky KA | photographs from courtesy of Soni Sfardati retouch by Nadine Fauzia

Sāqiya_Rockerilla

Mirco Salvadori: Rockerilla (maggio 2014) (IT)

Fingo di non conoscere nulla di questa formazione, mi lascio semplicemente andare all’ascolto e cerco di cogliere echi e accenti che arrivano da lontano, da molto lontano. Sarà forse l’assonanza del nome: Sfardati con sefarditi ma alle prime note di canto (Sumiglia) il mondo legato alla tradizione ebraico/spagnola mi appare in tutta la sua luminosità… assonanze. Procedo in random e man mano scopro un lavoro colmo di contaminazioni e rimandi, generi diversi accomunati dalla voglia esplosiva di scoperta nel vasto campo dell’improvvisazione: jazz in primo luogo, world music, ricerca senza però mai perdere quel fascino misterico che contraddistingue questa piccola meraviglia in free download, dalla prima all’ultima traccia. Enrico Cassia alla chitarra, Antonio Quinci alla batteria e alla voce, pari a strumento inebriante, Gaia Mattiuzzi rendono virale l’ascolto di questa produzione.
IMPROVVISA(FASCINA)ZIONE

Emerging Indie Bands

Tim Whale: Emerging Indie Bands (ENG)

Soni Sfardati is the improvisational duo of Enrico Cassia (Electric / acoustic guitar) and Antonio Quinci (Drums / Percussion) plus additional players as mood demands from Catania in Sicily.

Don’t anticipate settling back as you take a listen toSoni Sfardati who take the listener on a journey of experimentalism within a framework well recognised instruments. Leaving the listener bemused, but intrigued is a good marker of a band with something of value to add to the world of music and these two stretch incredulity to edges of elasticity, whilst remaining accessible.

One could easily imagine this as music to a modern art gallery, or a production of a new age theatre performance. There are few geographic boundaries to the material which pulls influences from The Middle East, North Africa and New York amongst others. Never easy on the listener Soni Sfardati travel a path which demands the audience wrestles with their brain, as unexpected refrains suddenly emerge from what seems to be a clear section of music.

The recent release of the nine track LP – Sāqiya – which is available on bandcamp, features the vocals of Gaia Mattiuzzi and this combination is well worth adding to the collection.

http://emergingindiebands.com/soni-sfardati-improvisation/

The CerebralRift

George De Bruin: The CerebralRift (ENG)

Introduction

I was recently offered the opportunity to listen to this release, and immediately leaped at the chance. Just seeing the title: Soni Sfardati – Saqiya grabbed by attention.  If there was no other reason than this part of the description:

Music scores written by amanuenses. Tarantellas intertwined in baroque
embroideries, in a game of disguise, on allusive grooves.

But then, the description became even more intriguing:

Virtuous words drawn from an endless dictionary at
the crossroads of cultures: Arab, French, and above all Spanish.

Now this was certainly a way to grab my attention!  I will explain a bit more as I take a closer look at this release by Soni Sfardati.

Cultural Mixtures

This is not my first journey into recordings that have mixed cultural origins.  In fact, you could say it is difficult to avoid cultural mixtures today.  However, most often cultural influences are filtered through the lens of western music.  Or rather, they are forced to fit western musics domain or dialect.  However, I have encountered music where the opposite is true: western cultural influences are hammered into forms to fit within other cultures, or even completely re-invented.  A few examples come to mind:

Ekova was an electronic music trio that freely mixed Persian influences and textures with lyrics written in their own language.  Diedre Dubois would invent a “language” for each of Ekova’s songs to fit the ambiance and texture of sounds in each piece.  The overall effect is quite other-worldly: sometimes simply sublime, and other times a bit unnerving, but always engaging and completely different.

Rabih Abou-Kahlil, took American Jazz music, and fused it with Arab styles in ways that true transcend both cultures.  He is a master of walking the lines between numerous cultures both in his life, and in his music.

And, of course, possibly the most noted group that fused different cultural influences within their work is Oregon.  While many would say they are pretty firmly rooted in western style and influences, there is no doubt they studied and understood as much of the cultures they could when working on their fusions.

All of these groups, and others have given me a different perspective on mixing cultural influences with western music forms.  Especially given me a frame that is different the more common method of forcing eastern cultures to fit into the western style(s).

Soni Sfardati – Saqiya

So, this is why Soni Sfardati intrigued me when I read the description of the release. The fusion of French, Arab and Spanish cultures was something that I needed to hear.  But, above that, I saw in the description that they define their music as progressive rock, jazz and improvised, and that got my blood rushing.

To say that I was disappointed would be a misleading statement.  I can say that I have been thrilled listening to this release.  But, in some respects not for the reasons that I initially thought I would be thrilled to listen to it.

Yes, the fusion of Arab and western cultures is clearly all over this release.  And the vocals by Gaia Mattiuzzi are evocative, moving and gorgeous on many levels.  But at the heart of this release is the music of Enrico Cassia and Antonio Quinci is front and center of this release.  Sometimes they are intertwined, wrapping rhythms around each other, building intricate webs to ensnare Mattuzzi’s vocals.  Other times they are at opposite ends of the music, in a duel with each other to find a common ground.

As a trio Soni Sfardati explore many ranges of expression, texture that are as varied as the world around us.  And, their transcriptions of the world into audible form are informed from their perspectives.  They each bring something new, different and exciting to the compositions on this release.

It’s something that is worth experiencing.  Each of these musicians is outstanding in their own way.  They are definitely masters of their instruments, and have their own special relationship with music.  But, when these strengths are combined, the music becomes something more than the sum of their individual contributions.  It’s that special quality that demands this release take a special place in my collection, a space reserved for only a few musicians thus far, like Ekova and Rabih Abou-Kahlil.  Now Soni Sfardati joins this select few.

http://cerebralrift.org/2014/04/14/soni-sfardati-saqiya/

una banda di cefali

Roberto D’Angelo: Una banda di cefali (IT)

Ode a Google, che colmi le lacune e riempi il meta-testo. Perché talvolta la musica, in particolar modo quella strumentale, può arricchirsi di suggestioni extra-musicali di carattere storico e letterario tali da renderla un’esperienza concettualmente densa. È il caso del bel disco Sāqiya dei catanesi Soni Sfardati, di per sé un godibilissimo esempio di libertà compositiva ben confezionato, ma carico di rimandi che non si possono prescindere. Il chitarrista Enrico Cassia e il batterista Antonio Quinci, con la collaborazione dell’impressionante voce di Gaia Mattiuzzi, si prodigano in tempi non convenzionali, composte dissonanze, musica ricercata e verrebbe da dire “cesellata”. Ma non un puro gioco intellettuale fine a sé stesso, e soprattutto privo di quelle “asperità” che spesso questo tipo di ricerca produce all’ascolto. Una feconda anarchia che richiama certe esperienze del Kraut Rock, delle avanguardie italiane figlie degli Area e una vocazione per la world music che è “world” nella misura in cui la Sicilia è un mondo al crocevia delle culture (Arabia, Spagna e Grecia su tutte).

Nel mondo islamico la sāqiya è una ruota idraulica che ha lo scopo di trasportare l’acqua in luoghi diversi, e l’acqua, anzi più specificamente il mare, ritorna come un leit-motiv nelle scelte timbriche dell’elettronica (fatta per lo più di pad e di effetti) e nelle tematiche. A tal proposito il brano di apertura Tyn da Ris è emblematico, con il suo gorgoglio di fondo, il canto di sirena lontana e gli improvvisi sprazzi delle percussioni. E con la storia sottesa, quella della statua lignea della Madonna Nera di Tindari, che la leggenda volle recuperata dai pescatori da una cassa perduta da una nave naufragata, e che da secoli affascina i visitatori nel santuario della cittadina messinese. La Malinche fu la schiava, amante e interprete azteca del conquistador spagnolo Hernán Cortés, figura ricolma di leggende e suggestioni. L’amore, il tradimento della patria, la violenza del colonialismo, sono evocati nel dittico La MalincheEl Encuentro La Matanza del Templo Mayor. La prima si regge su un metro complesso in cui un ostinato di chitarra e una batteria lontana sorreggono delle esplorazioni vocali, timbriche e tonali, che non possono non ricordarci le ricerche di Demetrio Stratos e Diamanda Galàs. La Mattanza è rock, con un ostinato di basso che fa pensare ai momenti più cadenzati di Area, Neu, Mahavishnu Orchestra, e chitarra e batteria la fanno da padrone in un dialogo serrato che sul finale si scarica in un potente riff ossessivo.

L’atmosfera si mantiene tesa in Kimono Rosso che somiglia alla colonna sonora di un incubo di Michelangelo Antonioni, con una lunga, aerea intro che sfocia in una sorta di flamenco deflagrato fra suoni gutturali e acrobazie vocali da brivido. Mazar ha uno schema simile, lentamente costruisce un quadro cupo fatto di suoni lontani fra loro, musica concreta che minaccia l’arrivo di qualcosa di impetuoso. In realtà si chiude con una nenia sbilenca che rende il tutto più inquietante. Mar Adentro è una lunga suite che contiene in sé tutti gli elementi snocciolati nei brani precedenti, come detriti che un fiume riversa nel mare, appunto. E le onde ci spingono in Corsica, per ascoltare il canto tradizionale Sumiglia, arrangiato per voce sola in una versione che, tralasciando il dettaglio tecnico, è un momento ad alto contenuto emozionale, con i suoi echi di ricordo. Torniamo lì dove l’oriente delle scorribande incontra la Sicilia, Al Madarig, “le scale”, il nome con cui gli arabi chiamavano Castellammare del Golfo. Il pezzo percorre a ritroso la struttura percorsa in precedenza con Mar Adentro, con un’andatura discendente che ci porta al brano di chiusura, la suadente Sāqiya.

Un disco che è una barca in mezzo al mare, un mare che è una rete di rimandi extra-musicali. E la barca si concede la libertà di andare dove le pare, sorretta da una solida struttura fatta di partiture costruite con estrema perizia e coraggio.

L’album è in free download nella sua versione EP su La bèl e in vendita nella sua versione integrale su Bandcamp

http://www.bandadicefali.it/2014/04/12/saqiya-soni-sfardati/

Arte e Arti

Ferdinando D’Urso: Arte e Arti (IT)

Non molti luoghi nel mondo possiedono alti rilievi dai quali si può osservare un mare vicino; la prospettiva da questa posizione è, infatti, completamente diversa da quella che si può avere dal bagnasciuga. Se il mare osservato da una montagna è poi lontano, lo si vedrà appena come una immobile e neutra tavola azzurra.
La Sicilia orientale, insieme alla Ande e all’arcipelago giapponese, è uno di quei luoghi fortunati; dall’Etna è possibile ammirare il vicinissimo Jonio come un palpitante organismo blu profondo. Proprio una contemplazione di questo genere – maturata in una bella villetta appena sopra Fiumefreddo – dev’essere stata il seme che ha portato a “Saqiya”, secondo lavoro del duo Soni Sfardati formato da Enrico Cassia alle chitarre e Antonio Quinci alla batteria e pubblicato da La bél netlabel production nel 2014.

Il disco è un prodotto acquatico, marino, mobile e reverberante. Lo si può capire bene già dalla traccia di apertura, Tyn da Ris, nella quale ariosi loop pieni di brezza sostengono la cristallina voce di Gaia Mattiuzzi, ospite del duo, che stilla una melodia ampia e piena di spazi. Un tema denso appare improvvisamente alla fine di Mazar, come un cavallone nella profondità pulsante e soffusa dell’episodio precedente. Non tutto quello che viene dal mare è positivo e, osservando dall’alto, lo si capisce meglio; così Kimono Rosso incalza l’ascoltatore disorientato da un metro molto articolato che irrompe su di un paesaggio sereno. Allo stesso modo l’incontro dell’azteca Malinche con il suo amante Hernan Cortes è descritta in La Malinche – El Encuentro e in La Malinche – La Matanza Del Templo Mayor con allegrotto accompagnamento ritmico adombrato dalla voce atomizzata e ridistribuita, come una versione World Music di Le Rire di Bruno Maderna.
Da sinistra antonio quinci ed enrico cassia
Ancora in Mar Adentro un minimalismo elettrico viene smaterializzato in atmosfere di confine che perfettamente si adattano al modo di concepire la musica del duo divenuto trio. La Spagna è il luogo dell’anima – non sempre positivo – del disco, ma la mediterraneità appare come valore assoluto incarnato dall’afflizione esistenziale che spesso accompagna la calura. Ne è prova Sumiglia, il canto corso – melismatico e struggente – che la Mattiuzzi arrangia ed esegue in solitudine. La complessa composizione e la ricca e articolata improvvisazione si mescolano e si confondono in Al Madarig: un tema semplice ma deciso, ripetitivo come un mantra, lascia spazio ad uno swing velocissimo subito pronto a recedere.
La saqiya è nel mondo arabo una ruota idraulica che serve a sollevare l’acqua per portarla in punti diversi. Così “Saqiya” intende portare all’ascoltatore quell’elemento vitale, vitalistico, acquatico appunto ma anche terragno, che è la narrazione. Un secondo lavoro – insieme sublime e terribile – per Soni Sfardati tanto atteso quanto ben riuscito.

http://artearti.net/magazine/articolo/lacqua-e-i-suoi-valori-la-comunicazione-di-saqiya

Review – NetMusic Life

E’ una strana sensazione tornare a scrivere di musica dopo alcune settimane di silenzio, che non ha riguardato assolutamente le mie orecchie, che si sono deliziate nel frattempo (e continuano a farlo) con questo meraviglioso album firmato Soni Sfardati, virtuosa band siciliana giunta al secondo album, “etichettato” dalla mia amica La bèl. “Sāqiya” è materia musicale difficile da decifrare. La sintonia fra i tre musicisti profuma ogni secondo di questo album, disegnando percorsi nell’aria, inseguimenti fatti di accelerazioni, decelerazioni, cambi di dinamica, stati confusionali controllati e una consapevole conoscenza delle proprie doti tecniche. La chitarra di Enrico Cassia che parla in equilibrio su disparità ritmiche sorprendenti (La Malinche) ed è capace di sedurmi fino all’innamoramento nell’assolo finale contenuto in una delle perle di questo album, l’incantevole “Mar Adentro“, traccia che si sviluppa in sette minuti, in cui la voce di Gaia Mattiuzzi si esprime compiendo imprese mirabolanti, attraversando nazioni e culture. La batteria di Antonio Quinci è anima sensibile a captare tutto ciò che accade, aggiungendo colore e calore, facendo da guida e traino nello svilupparsi delle tracce. Mi esalta la cura delle dinamiche, la capacità di riempire e svuotare i brani, saltellando con disinvoltura su ritmiche tutt’altro che facili. Ma fosse solo un’esibizione tecnica “Sāqiya” non sarebbe quello che è. “Sāqiya” è storia, cultura, è un azzardarsi ad andare oltre prendendosi cura di ciò che è stato. E’ musica, innanzitutto. Vissuta, sudata e suonata intelligentemente. Descriverla in un riduttivo prog-rock è come riconoscerne un minuscolo 2%.

http://netlabellife.blogspot.it/2014/03/soni-sfardati-saqiya-la-bel.html